2017_MaisonDuLacAiguebelette(c)David Desaleux (1)

Valutazione dell'utente

Qui potete valutare i progetti pubblicati.

Questo progetto non ha ricevuto nessuna valutazione.

Le piace questo progetto? Lo condivida…

Follow us on social media!

Maison du lac d’Aiguebelette

Cusina, Nances / F

Tabelle wird durch Projekt Info Felder generiert --->

Riconoscimento: 2017
Committenza: Communauté de Communes du Lac d’Aiguebelette
Architettura: Fabriques Architectures Paysages, F-Fourneaux
Statica: Maîtres du Rêve, F-Taninges (Haute-Savoie)
Costo dell’opera: € 3.5 Mio.
Indice di prestazione energetica: 86.2 kWh / m²a
Anno di costruzione: 2014
Tipo di costruzione: Edificio nuovo
Funzione dell’edificio: Turismo, Agricultura
Tabellen Elemente die nicht gebraucht werden in Table (oben^^) in der Text Ansicht von und mit <tr> bis und mit </tr> löschen oder auskommentieren <!-- *<tr>...</tr>* -->

Il centro turistico è situato direttamente sul lago d’Aiguebelette a Nances e si inserisce in una placida area verde fra riva e strada. Il complesso si sviluppa in senso longitudinale, lungo la catena montuosa dell’Épine che si innalza sullo sfondo. La piatta struttura ospitante gli uffici è costruita in cemento armato, il tetto è ricoperto di vegetazione. Le due ali principali – leggere costruzioni in legno – si ergono rivestite in legno di abete di douglas lamellare. Viste di fianco ricordano dei semplici fienili, con il fronte aperto verso il lago, dotato di ampie vetrate e terrazze generose. Il tetto a due spioventi funge da volano termico, una sonda geotermica fornisce l’energia, mentre un apposito impianto recupera il calore. L’edificio è anche ecologico: tutti gli artigiani provengono da una distanza massima di 50 chilometri. Il complesso – un abile intreccio fra costruzioni e giardini – invita a far vagare lo sguardo sul lago e sui monti. L’architettura stessa indugia discreta per non rubare la scena all’indiscusso attore principale: la natura.

a far vagare lo sguardo sul lago e sui monti. L’architettura stessa indugia discreta per non rubare la scena all’indiscusso attore principale: la natura.