Valutazione dell'utente

Qui potete valutare i progetti pubblicati.

Valutazione media 5 / 5. Numero di valutazioni: 1

Le piace questo progetto? Lo condivida…

Follow us on social media!

Tribunale federale penale Bellinzona

Viale Stefano Franscini 7, Bellinzona / CH

Tabelle wird durch Projekt Info Felder generiert --->

Riconoscimento: 2017
Committenza: Schweizerische Eidgenossenschaft
Architettura: Bearth & Deplazes, CH-Chur, und Durisch + Nolli, CH-Massagno
Statica: Jürg Buchli, CH-Haldenstein, Ingenieurgemeinschaft Edy Toscano, CH-Rivera, Conzett / Bronzini / Gartmann, CH-Chur
Costo dell’opera: € 33.5 Mio.
Indice di prestazione energetica: 16.1 kWh / m²a
Anno di costruzione: 2013
Tipo di costruzione: Edificio nuovo
Funzione dell’edificio: Uso collettivo
Tabellen Elemente die nicht gebraucht werden in Table (oben^^) in der Text Ansicht von und mit <tr> bis und mit </tr> löschen oder auskommentieren <!-- *<tr>...</tr>* -->
For privacy reasons YouTube needs your permission to be loaded.
I Accept

« Il nuovo Tribunale penale federale di Bellinzona, nel Cantone svizzero del Ticino, amplia la costruzione frontale in stile neoclassico conservandone la funzione di ingresso principale. Nell’astrazione contemporanea, i muri in cemento armato, risplendenti nella loro bianca innocenza, conferiscono continuità alla precedente facciata. Gli architetti vi hanno organizzato un ampliamento disciplinato attorno all’aula penale. Due cortili coperti illuminano i percorsi, conferendo trasparenza e orientamento alla fitta successione di ambienti. L’aula penale rappresenta il culmine architettonico di contrasto rispetto alla liscia facciata. Come nell’aula piccola, una cupola piramidale sovrasta l’ambiente, catturando la luce dall’alto. Ornamenti decorano le pareti dall’andamento obliquo, migliorando l’acustica. Una tale varietà di forme è stata possibile grazie alla lavorazione computerizzata. L’edificio compatta il centro e rafforza la piazza, amalgama il vecchio e il nuovo e azzarda un esperimento architettonico all’interno. Ed infine, la certificazione Minergie-P-Eco garantisce consumi energetici ridotti e una buona compatibilità ambientale. » Andres Herzog / Hochparterre